ccbot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
NEWS DAL MONDO

NEWS DAL MONDO




L’Antitrust ha sanzionato Veneto Banca per avere posto in essere due pratiche commerciali scorrette consistenti rispettivamente nell’aver nei fatti condizionato l’erogazione di mutui a favore dei consumatori all’acquisto da parte degli stessi di proprie azioni e indotto i consumatori intenzionati a richiedere mutui ad aprire un conto corrente presso la Banca. La sanzione è pari a 5 milioni di euro. L'autorità garante della concorrenza e del mercato ha spiegato in un comunicato che "la banca ha condizionato l’erogazione di mutui all’acquisto da parte degli stessi di proprie azioni, con lo scopo di collocare questi titoli presso i consumatori. Tali comportamenti hanno avuto luogo al fine di realizzare un’operazione di ricapitalizzazione della Banca, che ha avuto inizio a partire dal secondo semestre 2012 e pieno sviluppo negli anni 2013 e 2014, nella quale sono prevalse le esigenze di patrimonializzazione della Banca sugli interessi della stessa clientela". L’Antitrust ha rimarcato che queste condotte limitano considerevolmente la libertà di scelta dei consumatori in relazione ai prodotti di mutuo. Inoltre, Veneto Banca, approfittando della propria posizione contrattuale, ha obbligato i consumatori istanti di mutui anche all’apertura di un conto corrente collegato al mutuo presso la stessa, ponendo in essere una pratica legante mutui-conti correnti vietata dal Codice del Consumo.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, ha incontrato questa mattina i vertici di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca per un'analisi congiunta della situazione delle due banche, che rischiano il bail-in dopo le nuove richieste Ue. "Si è trattato di uno dei numerosi passaggi previsti dalla consueta interlocuzione tecnica contemplata per questi casi", ha voluto spiegare il ministero in una nota diffusa oggi, cercando di rassicurare il mercato. "Il dialogo con le autorità europee prosegue, con il comune obiettivo di concordare la soluzione che garantisca la stabilità delle due banche venete e salvaguardi integralmente i risparmiatori, nel pieno rispetto delle regole europee - afferma il Mef - Sotto il profilo della liquidità, Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca dispongono di tutte le garanzie pubbliche necessarie". E conclude: "Il Governo è impegnato perché la soluzione sia definita in tempi rapidi".

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Il tasso Euribor a tre mesi è stato fissato questa mattina a -0,329%, invariato rispetto al fixing di ieri mercoledì 24 maggio.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco si attesta a 174,5 punti, in rialzo rispetto ai 171 punti base dei primi scambi di seduta. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,11%, mentre il tasso del Bund con pari scadenza viaggia in area 0,36 per cento.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Forti vendite sui bond senior delle banche venete all'indomani dell'incontro tra la Commissione Europea e il Tesoro, con la parti che restano lontane sul piano di salvataggio delle due popolari. Bruxelles, come riportato dalla stampa nazionale, chiede un miliardo di euro in più nell'operazione da 6,4 miliardi. Sul secondario il titolo Bpvi con scadenza ottobre 2018 perde circa il 4,5% in area 75, sui minimi testati a metà marzo. Minimi storici per il bond Veneto Banca maggio 2019 che perde 5 punti percentuali a 73.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


La crescita dell'economia britannica nel primo trimestre 2017 è stata vista lievemente al ribasso nella seconda lettura pubblicata oggi. La crescita del Pil Uk è stata rivista allo 0,2% su base trimestrale rispetto allo 0,3% della prima lettura. Su base annua la revisione è stata al +2% rispetto al 2,1% della prima lettura. Gli analisti avevano previsto una conferma dei livelli emersi in prima lettura.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Dati Macroeconomici


Salvatore Ferragamo conferma l'outlook cauto per il 2017 e gli obiettivi di medio periodo comunicati lo scorso 3 febbraio, cercando di rassicurare il mercato dopo le forti vendite che si sono abbattute sul titolo in scia al declassamento della Cina da parte di Moody's. L'agenzia Usa ha tagliato, per la prima volta dal 1989, il rating di Pechino a A1 dal precedente Aa3. La Cina rappresenta il 15% delle vendite di Salvatore Ferragamo. Ieri l'azione della maison fiorentina ha lasciato sul parterre oltre 5 punti percentuali chiudendo a 26,85 euro. Le vendite proseguono anche oggi: in una seduta intonata al rialzo Ferragamo mostra un ribasso dell'1,5% scambiando in area 26,40 euro. Ferragamo "conferma un outlook cauto per il 2017 che sarà un anno di transizione durante il quale proseguono gli interventi volti a migliorare l’attività di sviluppo prodotto, razionalizzare la gestione nell’area retail e normalizzare il livello degli stock".

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


A marzo, nell’industria italiana, si rileva un incremento del fatturato dello 0,5% rispetto al mese precedente, che consolida il più ampio aumento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la crescita, rispetto ai tre mesi precedenti, è dello 0,4%. Gli ordinativi, invece, a marzo segnano una diminuzione congiunturale (-4,2%), annullando in buona parte l’incremento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la dinamica resta positiva, con un aumento dell’1,5% rispetto al trimestre precedente. Lo ha annunciato l'Istat. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di marzo 2016), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 7,2%, mentre l’indice grezzo degli ordinativi segna un aumento del 9,2%.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Dati Macroeconomici


A circa un’ora dall’avvio delle contrattazioni Unicredit vira in territorio negativo. Al momento il titolo della banca italiana perde circa mezzo punto percentuale a 16,8 euro. I trader al momento ignorano il segnale di fiducia inviato da Jefferies questa mattina. La casa d’affari ha infatti ribadito con forza la visione positiva sull’istituto, reiterando la raccomandazione Buy e il target price a 19,7 euro dal precedente a 17,20 euro. “Riteniamo Ucg il miglior istituto nel panorama dell’area meridionale dell’Europa”, si legge nel report fatto circolare questa mattina.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Il Prodotto interno lordo (Pil) della Spagna ha segnato nel primo trimestre dell'anno un aumento dello 0,8% rispetto al periodo precedente e del 3% su base annua, confermando la stima preliminare e le attese del mercato.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Dati Macroeconomici