ccbot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
NEWS DAL MONDO

NEWS DAL MONDO




Completate le valutazioni di ipotesi riguardanti possibili combinazioni industriali con Assicurazioni Generali, il management di Intesa Sanpaolo “non ha individuato opportunità rispondenti ai criteri - di creazione e distribuzione di valore per i propri azionisti, in coerenza con l’obiettivo di mantenimento della leadership di adeguatezza patrimoniale - con cui valuta regolarmente le opzioni di crescita endogena ed esogena per il Gruppo”. È quanto si legge in una nota diffusa dall’istituto di credito.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


L’Assemblea straordinaria di Stefanel ha deliberato di rinviare ogni decisione in merito alla situazione patrimoniale della Società all’esito del procedimento di ristrutturazione dei debiti, attualmente in corso.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Il Consiglio di amministrazione del Banco di Sardegna ha deliberato di proporre all’Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo di 0,53 euro per ogni azione di risparmio (di cui 0,15 euro riferiti all’esercizio 2015), di 0,35 euro per le privilegiate e di 0,32 euro alle ordinarie. Lo stacco della cedola è previsto per lunedì 15 maggio mentre la record date è fissata per martedì 16.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Il Consiglio di amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni ha assegnato a Stefano Grassi l’incarico di Direttore Generale. Grassi proviene da Banca Generali, dove ricopriva la carica di Vice Direttore Generale Finance & Operations.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Aggiornati i nuovi record storici, chiusura di settimana sotto la parità per gli indici a Wall Street. Il Dow Jones quota in rosso dello 0,2%, lo S&P500 scende dello 0,15% e il Nasdaq segna un -0,13%. Nel comparto auto, -2,4% per Fiat Chrysler Automobiles, -0,16% di GM e -0,68% di Ford dopo le nuove stime contenute nello studio elaborato da J.D. Power e LMC Automotive. Secondo i numeri elaborati dalle due società, a febbraio le vendite si sono attestate a 1,35 milioni di unità, +0,6% rispetto a un anno prima, nonostante incentivi all’acquisto ai massimi dal 2009. Tra le società che hanno presentato i conti, tonfo per Hewlett Packard Enterprise (-7,77%) che ha deluso sul fronte fatturato e ridotto la view sugli utili dell’esercizio. Seduta da dimenticare anche per J.C. Penney (-6,71%) che ha annunciato un piano di chiusura di punti vendita che potrebbe riguardare fino a 140 negozi. Due velocità per gli aggiornamenti macro di oggi: le vendite di nuove case a febbraio si sono attestate a 555 mila unità (consenso 575 mila) mentre l’indice che misura il sentiment dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan a febbraio, in versione definitiva, ha segnato 96,3 punti (95,7 punti per il dato preliminare, 96,1 punti per gli analisti).

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Indici e quotazioni


La Juventus ha chiuso il primo semestre dell’esercizio 2016/2017 con un utile di 72 milioni di euro , +41,7 milioni rispetto ai 30,3 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente. Crescita decisamente sostenuta anche per il fatturato, salito da 204,5 a 314,9 milioni di euro. 174,1 milioni per l’Indebitamento finanziario netto, in calo rispetto ai 199,4 milioni al 30 giugno 2016. Il miglioramento di 25,3 milioni è stato determinato dagli incassi legati alle Campagne Trasferimenti (+12,6 milioni netti) e dai flussi positivi della gestione operativa (+23 milioni), parzialmente compensati dagli investimenti in altre immobilizzazioni (-5,4 milioni), dagli investimenti in partecipazioni (-2,1 milioni) e dai flussi delle attività di finanziamento ( -2,8 milioni). “Nell’esercizio 2016/2017 è previsto un significativo incremento dei costi relativi al personale tesserato e agli ammortamenti derivanti dalle acquisizioni effettuate nel corso della Campagna Trasferimenti 2016/2017. Peraltro, i proventi già generati dalle cessioni perfezionate nel corso della stessa, l’andamento dei risultati sportivi e l’incremento di altri ricavi operativi consentono di prevedere che anche l’esercizio 2016/2017 evidenzierà un risultato economico positivo”, si legge nella nota diffusa dalla società.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Dati Bilancio Italia


Piazza Affari quest’oggi ha ceduto alle velleità ribassiste ed ha accelerato al ribasso, spinta da un clima ancora condizionato dai crescenti timori che affliggono il fronte politico del Vecchio Continente. In questo quadro il FTSE Mib ha chiuso a 18.596,66 punti, in ribasso dell’1,18%. Gli andamenti borsistici odierni sono stati indirizzati dalle risultanze dei risultati trimestrali diffusi dalle società interessate. Ecco dunque che Leonardo, +3,81% a 12,25 euro, dopo che ieri ha alzato il velo sui conti 2016. Lo scorso esercizio ha segnato un risultato netto ordinario di oltre 500 milioni di euro, in crescita di oltre il 100% rispetto ai 253 milioni del 2015. Sul fronte ribassi, invece, la maglia nera va assegnata a Saipem, -6,80% a 0,42 euro, dopo che nel corso della giornata ha aggiornato minimi intraday che non si vedevano dal 5 dicembre scorso. Settimana da dimenticare per Banco Bpm che conclude la settimana a 2,16 euro con un ribasso del 6,65%.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Chiusura di ottava con il segno meno per i listini europei, penalizzati dalle prese di beneficio, dalla debolezza dei titoli legati alle materie prime e da risultati societari sotto le stime. A Londra il FTSE100 ha chiuso la settimana a 7.243,70 punti, lo 0,38% in meno rispetto al dato precedente, il francese Cac40 è sceso a 4.845,24, -0,94%, e lo spagnolo Ibex si è fermato a 9.453,50, -0,42%. La performance peggiore è stata registrata a Francoforte, dove il Dax ha perso l’1,2% a 11.804,03. A livello di singole performance, -3,58% per RBS che ha chiuso il 2016 con un rosso di 8,7 miliardi di sterline. Vendite anche su Vivendi (-3,94%), dopo le indicazioni contrastanti arrivati dai numeri 2016 e la notizia delle indagini per concorso in aggiotaggio che coinvolgono il principale azionista del gruppo, Vincent Bolloré. Outlook invece deludente per Basf (-2,88%).

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Indici e quotazioni


Piazza Affari quest’oggi ha ceduto alle velleità ribassiste ed ha accelerato al ribasso, spinta da un clima ancora condizionato dai crescenti timori che affettano il fronte politico del Vecchio Continente. In questo quadro il FTSE Mib ha chiuso a punti, in ribasso del %. Gli andamenti borsistici odierni sono stati indirizzati dalle risultanze dei risultati trimestrali diffusi dalle società interessate. Ecco dunque che Leonardo, +3,81% a 12,25 euro, dopo che ieri ha alzato il velo sui conti 2016. Lo scorso esercizio ha segnato un risultato netto ordinario di oltre 500 milioni di euro, in crescita di oltre il 100% rispetto ai 253 milioni del 2015. Sul fronte ribassi, invece, la maglia nera va assegnata a Saipem, -6,80% a 0,42 euro, dopo che nel corso della giornata ha aggiornato minimi intraday che non si vedevano dal 5 dicembre scorso. Settimana da dimenticare per Banco Bpm che conclude la settimana a 2,16 euro con un ribasso del 6,65%.

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Notizie Italia


Nell’esercizio 2016 i ricavi consolidati del Gruppo Cerved sono aumentati del 6,6% a 377 milioni mentre l’Ebitda adjusted è risultato di 180 milioni, +5,4% nel confronto annuo. Entrambi i dati sono in linea con le stime. Il risultato netto si è attestato a 48,7 milioni, in netto miglioramento rispetto ai 3,6 milioni dell’esercizio 2015, e il dato adjusted ha totalizzato 92 milioni, +34,2%. A fine esercizio, l’indebitamento finanziario netto si è attestato a 523,4 milioni, in calo rispetto ai 568,6 milioni al 30 giugno 2016 ma in aumento sui 499,6 milioni al 31 dicembre 2015. Il Cda ha deliberato di distribuire un dividendo di 0,247 euro (di cui 0,218 euro di dividendo ordinario e 0,029 euro di dividendo straordinario).

Categoria: Finanza
Sottocategoria: Dati Bilancio Italia