ccbot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

stampa

LE FONDAZIONI: PARLANO I NUMERI

Articolo de MilioneWeb - House Organ
del 8 aprile 2014

 

LE FONDAZIONI: PARLANO I NUMERI
Un impegno per il territorio che si traduce in tanti interventi solidali

 

Nel 2013 il Gruppo Veneto Banca ha continuato a servire i territori presidiati anche attraverso l'attività filantropica della Fondazione Veneto Banca e della Fondazione Banca di Intra.

FONDAZIONE VENETO BANCA PER IL NORD EST

Nell'esercizio appena concluso la Fondazione Veneto Banca ha analizzato numerose domande e accolto 77 richieste, impegnando complessivamente 573 mila Euro.
Anche nel 2013 la Fondazione ha scelto di dare priorità a interventi di carattere solidaristico, per rispondere alle crescenti richieste provenienti da enti e associazioni che si occupano, senza fini di lucro, di assistere persone con gravi problemi di salute o in condizioni di disagio sociale ed economico.
Il settore Solidarietà ha beneficiato del 54% dei contributi. Tra i destinatari degli interventi più significativi: l'Opera della Provvidenza S. Antonio di Sarmeola di Rubano (PD), per l'acquisto di una nuova ambulanza per il centro sanitario dedicato a malati psichici e ad anziani non più autosufficienti; l'Associazione Amici della Solidarietà di Montebelluna (TV), per l'affitto di un capannone e l'acquisto di un frigo industriale per le attività di banco alimentare, a sostegno di oltre 90 enti no profit del Veneto; l'appoggio del Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia e del Veneto Orientale; la continuazione del progetto "Bottega Grafica", dedicato alla formazione lavorativa dei ragazzi della casa circondariale minorile di Treviso. Nel comparto Solidarietà sono incluse anche le donazioni a favore della sanità, come quella destinata alla Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso, per la crioconservazione del tessuto adiposo, che consentirà – non solo nel Nord Est – di realizzare un numero maggiore di trapianti, in modo più veloce, meno doloroso e meno costoso. Tra gli altri interventi di carattere sanitario di rilievo, quello erogato a favore dell'Associazione Brain di Vicenza, finalizzato al completamento della casa accoglienza "La Rocca" di Altavilla Vicentina, dedicata al recupero delle persone colpite da danni celebrali, e quello per l'Associazione Amici del Rene di Vicenza, per il miglioramento dell'assistenza delle persone con malattie renali.
Al settore Cultura e Istruzione, Scienza e Ricerca è stato destinato il 36% delle donazioni. Tra le iniziative più importanti dedicate alla formazione, quella realizzata con il Tribunale di Sorveglianza di Venezia, per il tirocinio di un giovane selezionato tra i neolaureati in giurisprudenza con il massimo dei voti, con il duplice obiettivo di premiare il merito e assistere la magistratura nella riduzione degli arretrati dell'attività ordinaria. Per quanto riguarda la valorizzazione della cultura locale, si segnala il rinnovo della collaborazione con la Fondazione Premio Giuseppe Mazzotti e con l'Associazione Amici di Giovanni Comisso, che ogni anno organizzano due premi letterari di levatura nazionale dedicati ai due celebri intellettuali veneti.
Al settore Arte e Restauri è stato indirizzato il 5% dei contributi. Grazie alla Fondazione Veneto Banca, è stato possibile salvaguardare e valorizzare una parte del patrimonio artistico locale, come la preziosa pala d'altare del Pordenone della chiesa di Moriago della Battaglia (TV).
Anche al settore Sport Dilettantistico e Altre Attività è stato devoluto il 5% degli interventi 2013, utilizzati soprattutto per progetti dedicati alle scuole in collaborazione con la Pubblica Istruzione e i Comuni.
L'intervista al Presidente della Fondazione Veneto Banca, Franco Antiga, e ad alcuni dei beneficiari dei contributi di fine anno.

FONDAZIONE BANCA DI INTRA PER IL NORD OVEST

Coerentemente con le proprie linee guida, la Fondazione Banca di Intra Onlus, nel 2013, ha destinato contributi a progetti rivolti ai giovani, finalizzati alla formazione e/o all'inserimento nel mondo del lavoro, assegnando undici borse di lavoro mensili a giovani diplomati e laureati della provincia del Verbano Cusio Ossola e di Novara attraverso il rinnovo di convenzioni con il Tribunale di Verbania e il Comune di Ghemme. In particolare, il progetto con il Tribunale di Verbania ha favorito, in questi anni, la definitiva occupazione di alcuni dei giovani stagisti che hanno potuto sviluppare le proprie competenze professionali in ambito legale/amministrativo.
Ha altresì finanziato diversi progetti sociali rivolti a Enti/Associazioni che operano sul territorio locale. Si ricordano i progetti dell'Associazione Nazionale Carabinieri – Sez. Verbania per l'acquisto di un'autovettura a supporto dell'attività del Gruppo di Protezione Civile e della Fondazione Comunità Attiva - Ente a suo tempo costituito grazie all'intervento della nostra Fondazione - per l'acquisto di un mezzo destinato al trasporto delle persone anziane dalla Valle Cannobina ai presidi medici del territorio.
Per quanto concerne la valorizzazione del territorio la Fondazione ha proseguito la collaborazione con il Comune di Druogno e il Consorzio Case di Vacanza dei Comuni Novaresi e del Verbano Cusio Ossola, sostenendo la Fondazione L'UniversiCà La Bottega dei Mestieri che sta realizzando il Progetto Interreg TRA.ME. VI.VE., che si concretizzerà, nel 2014, attraverso la realizzazione di un museo virtuale sulla storia e antichi mestieri locali. Inoltre ha dato continuità e supporto a diverse iniziative culturali e ricreative locali, tra cui si ricordano il progetto "Musica in quota 2013" della Provincia del Verbano Cusio Ossola, la realizzazione della stagione teatrale 2013/2014 al Centro Culturale "La Fabbrica" di Villadossola del Comune di Villadossola, il sostegno all'Ente Giardini Botanici Villa Taranto di Verbania e i progetti "Premio d'arte città di Novara" della Provincia di Novara e "Lune d'Estate 2013" del Comune di Novara.
Fondamentale è stato anche l'intervento per la definizione del progetto del Comune di Malesco finalizzato alla realizzazione di percorsi per la valorizzazione dei fenomeni geologici presenti sul territorio del Parco Nazionale della Val Grande inaugurato nel mese di ottobre presso il Museo del Parco.
Da evidenziare, infine, la realizzazione della pubblicazione "Le officine delle bianche di Intra e Pallanza" con lo scopo di tenere viva la memoria sul passato industriale del territorio del VCO che sul finire dell'800 e nei primi del 900 ne ha favorito la crescita e lo sviluppo.
La presentazione dell'opera è stata organizzata all'interno della filiale di Intra della Banca, proprio per ricordare come la Banca sia stata, ed è tuttora, determinante nel sostegno dell'economia del territorio e importante riferimento per l'imprenditoria e l'artigianato.

Carlo Torresan

Ultimo aggiornamento  10.04.14   h 18:19